Caro spam, vorrei dirti che…

Caro spam vorrei dirti che, innanzitutto, non ho un pene. Quindi non mi interessano le tecniche utili per allungarlo. Tra l’altro penso che allungando qualcosa allo stesso tempo si assottigli quindi anche no, grazie.

Verissimo che io non sia una modella, ma non credo proprio che la dottoressa Alena Svetloska abbia il rimedio efficace che fa per me per perdere 30 kg in un mese. Inoltre, immaginatevi con quei kg in meno, tutti flaccidi e penzolanti…

Dunque sappi, caro spam, che io di numeri e finanza non ne capisco una cippa. Una volta la mia maestra di matematica mi scrisse “malissimo” in una pagina dove avevo provato a calcolare alcune addizioni e sottrazioni. Quindi, beh, inutile dirti che rabbrividisco al solo pensiero di optare per una carriera nel Trading! Imparare le tecniche di trading tramite un miracoloso e-book mi sembra più impossibile che perdere 30 kg in un mese. Quasi quasi chiamo la Svetloska.

Non mi interessa nemmeno aumentare la memoria dell’82% ché poi mi ritroverei a ricordare tutti gli idioti che incontro, mi salirebbe l’ansia e farei “mala vida”. Ovvio che sarebbe utile, anche perché mi dimentico delle cose proprio nel momento in cui le sento o le dico. Ma comunque… di cosa stavamo parlando?

Insomma, io vorrei sapere in base a quali criteri operi, caro spam. Ti ho già detto che non ho un pene -cioè non io personalmente- e tu cosa fai? Opti per una valutazione auto gratuita in due minuti? Ma se a malapena ho una bici mezza scassata?!

Caro, caro, caro spam, io ci provo pure a sopportarti però tu poi vuoi piazzarmi il volume “La storia della Lira” in omaggio! E che cavolo! Non ci siamo proprio! È vero che non c’ho ‘na lira, ma sbattermelo in faccia così è da maleducati…

Potrò mettere tutti i filtri che trovo, usare le più avanzate misure di difesa, attivare uno scudo deflettore potenza duemila ma tu, caro spam, riuscirai sempre ad intrufolarti tra le mie azioni di “cancellazione quotidiana mail”. E pazienza. Mai una volta, però, che mi proponi un anti-spam decente!

Precedente Aldo Giovanni e Giacomo: il Trio e la mia generazione Successivo Il cannolo come volontà e rappresentazione